• Dove siamo

    Click to open larger map

    B&P Insurance Broker S.r.l. - Corso Sempione 68, 20158 Milano

  • Contattaci

    Thanks!

    Email inviata correttamente.

    Required fields not completed correctly.

  •  
  •  
  • Home
  • /Blog
  • /I nuovi rischi legati al mondo tecnologico.
I nuovi rischi legati al mondo tecnologico.

I nuovi rischi legati al mondo tecnologico.

L'importanza di tutelarsi contro i cyber-risk

Il 18 Marzo del 2018 verrà ricordato come il giorno nel quale, per la prima volta, una macchina a guida autonoma (in questo caso di Uber) ha investito un pedone, uccidendolo.

Certo, negli ultimi anni è capitato che le auto test a guida autonoma abbiano fatto qualche pasticcio e causato qualche incidente, ma questa è stata la prima volta che è stato investito un pedone provocandone la morte.

Questo avvenimento, forse prevedibile considerando le centinaia di migliaia di ore di test necessarie a sviluppare “l’intelligenza artificiale” nelle auto, ha generato un’ondata di riflessioni della più varia natura riguardo alle responsabilità, presenti e future, legate agli ambiti di utilizzo delle intelligenze artificiali.

Innanzitutto, dando per scontato che nell’arco di qualche anno si arriverà ad una integrazione della IA in decine di applicazioni quotidiane, quanto rischieremo a fronte di un attacco informatico a questo genere di programmi? Il rapporto The rise of artificial intelligence redatto da Allianz Global Corporate & Specialty (Agcs) mostra cinque aree che destano preoccupazione: l’accessibilità del software, la sicurezza, l’accountability, la responsabilità e l’etica.

“Sono essenziali misure preventive che riducono i rischi derivanti da conseguenze indesiderate” ha commentato Michael Brunch, responsabile degli emerging trends di Agcs. Se per quanto riguarda il controllo, il rigore e il funzionamento delle macchine devono essere istituiti protocolli specifici di test e controllo, per quanto riguarda l’ambito dell’etica e della responsabilità, non c’è ancora certezza per sapere fin dove arriverà la responsabilità dell’azienda software che “sviluppa” la IA, dato che per definizione l’intelligenza artificiale sarà in grado di dare una sua interpretazione della realtà. Brunch ipotizza che potrebbero essere istituite agenzie o autorità competenti che elaborino i quadri di responsabilità.

Se quindi le società di assicurazioni e gli imprenditori avranno nuove sfide da fronteggiare nel prossimo futuro, possiamo vedere come già oggi molte dimensioni di rischio collegate al mondo internet ed informatico siano prese “sotto gamba”. L’atteggiamento di molti è di “minimizzare” la valutazione dei rischi, e qui è necessario un cambio culturale nella valutazione del risk management nelle aziende moderne.  Basti pensare che se negli USA un azienda su tre è tutelata sul rischio cyber, in Italia si scende drammaticamente a 1,5 su 10, in media, con un investimento complessivo in coperture di 30 milioni di Euro. Un’inezia, se si pensa al giro di affari generato soltanto dalla Internet economy, e a tutti i rischi derivanti dalla gestione dei dati sensibili e dalle infrastrutture informatiche.

Gli attacchi informatici sono ormai la nuova cronaca sia in Italia che all’estero; le estorsioni dei dati sono la nuova frontiera.

Deve crescere quindi tra le imprese la consapevolezza del rischio cyber, in quanto il tema della sicurezza informatica sta diventando sempre più attuale ed importante anche in Italia sia per le Aziende, per la Pubblica Amministrazione che per tutte le Istituzioni.

E’ importante rendersi conto della pericolosità del cyber risk, anche perché le nuove normative (vedere Regolamento Europeo n. 2016/679) impongono la protezione dei dati aziendali e delle persone fisiche.

Poiché i dati personali possono essere violati, danneggiati o distrutti a causa di errori umani o con intenti criminosi, è importante tutelare i principi e le norme di tutti i diritti di chi li possiede.

Dunque si tratta di assicurare la protezione di tali dati e di informazioni personali sottoscrivendo delle polizze assicurative contro i cyber-risk.

 

Questo tipo di polizza si attiva ogni volta che c’è violazione dei dati personali attraverso un accesso non autorizzato o la trasmissione non autorizzata di dati; copre anche i difetti di sicurezza che causano la distribuzione o l’alterazione dei dati di terzi anche a causa di perdita e furto hardware, i difetti di sistema, incluso l’atto negligente da parte di un dipendente.

Le principali coperture previste dalle polizze Cyber Risk sono le seguenti:

1)      Responsabilità per la Sicurezza delle Informazioni e Privacy (violazione dei dati personali – Malfunzionamento dei sistemi di Sicurezza Informatica – Inosservanza di un obbligo di notifica – Violazione della Politica Privacy)

2)      Spese per la gestione di una Violazione della Sicurezza, cioè quei ragionevoli e necessari costi sostenuti dall’Assicurato:

  • a)       costi per nominare un esperto di sicurezza informatica che determini l’esistenza e la causa di un eventuale violazione                                   dei dati elettronici
  • b)      costi per le spese sostenute per la nomina di un legale che identifichi le azioni che  l’Assicurato deve intraprendere al                                     fine di adempiere alla Legge sulla notifica della Violazione
  • c)       costi sino a € 20.000,00 per le spese di consulenza per pubbliche relazioni allo scopo di rimuovere il danno                                                  reputazionale arrecato allo Assicurato.

3)      Costi di investigazione, cioè quei costi sostenuti dall’Assicurato, con il preventivo consenso scritto degli Assicuratori, in conseguenza di un procedimento che coinvolge uno degli Assicurati.

4)      Responsabilità per l’Attività multimediale e Pubblicitaria in relazione ai Danni e Spese che l’Assicurato sarà tenuto a corrispondere per responsabilità derivantegli dalla legge (diffamazione – ingiurie – violazione del diritto alla privacy di una persona – plagio -  pirateria o appropriazione indebita di idee – violazione copyright)

5)      CYBER ESTORSIONE, per le perdite sostenute dall’Assicurato in conseguenza di una Minaccia di Estorsione commessa ed avvenuta per la prima volta contro l’Assicurato.

La Bonsignore & Partners è specializzata nelle assicurazioni dedicate al mondo professionale e dell’impresa, comprese le ultime opportunità collegate al mondo informatico. Per avere ulteriori informazioni o un preventivo personalizzato, non esitate a contattarci.