• Dove siamo

    Click to open larger map

    B&P Insurance Broker S.r.l. - Corso Sempione 68, 20158 Milano

  • Contattaci

    Thanks!

    Email inviata correttamente.

    Required fields not completed correctly.

  •  
  •  
  • Home
  • /Blog
  • /L’Intelligenza Artificiale arriva anche nel mondo assicurativo
L’Intelligenza Artificiale arriva anche nel mondo assicurativo

L’Intelligenza Artificiale arriva anche nel mondo assicurativo

Abbiamo visto pochi giorni fa come l’arrivo e l’affermarsi dei prodotti sempre connessi ad Internet (i cosiddetti oggetti dell’universo IoT) abbiano come primario obiettivo quello di raccogliere continuamente quanti più dati possibili (ovviamente nel rispetto della privacy). Tutti questi dati, che vengono raccolti per migliaia, milioni di utenti, costituiscono cluster definibili come “Big Data”.

E’ di pochi giorni fa che una compagnia assicurativa coreana, la Kyobo Life Insurance, ha sviluppato un sistema completamente automatizzato di gestione, processo e sottoscrizione dei contratti di copertura assicurativa. Ma in cosa questo sistema, soprannominato BARO (Best Analyst and Rapid Outcome) è differente rispetto ai sistemi semi-automatizzati attuali che permettono, tramite banche dati, di avere portali che danno, all’operatore bancario o assicurativo, un OK o un diniego di fronte alla richiesta di un prestito, o di una copertura assicurativa? Beh, ad oggi questi sistemi richiedono comunque un sovra-controllo umano, e l’ultima parola aspetta comunque all’operatore. Il sistema di IA messo a punto in Corea de Sud, invece, sarà in grado di processare in completa autonomia la richiesta, decidere se è possibile erogare una certa copertura analizzando cluster di dati (e qui si parla di Big Data) legati a quello specifico soggetto. Infine, se il profilo di rischio e copertura risulta corretto, far partire in automatico il contratto assicurativo e la relativa copertura.

Sembra un passaggio da poco, ma in realtà è una grande rivoluzione. Certamente i dati e questo programma dovranno essere ancora controllati, ma la strada è tracciata. Tramite il machine learning e gli algoritmi avanzati automatizzati, l’industria dei servizi sta cercando da una parte di gestire un certo tipo di richieste in modo completamente automatico, dall’altra di farlo con una analisi di dati completa e, fin’ora, inedita nella sua dimensione.

Ma, come abbiamo già detto in queste pagine, queste innovazioni non possono essere calate “dall’alto” su una popolazione non ancora sufficientemente interconnessa. La Corea del Sud, come il Giappone, è una delle nazioni più sviluppate dal punto di vista digitale, e dove i dispositivi IoT hanno preso piede da diversi anni nelle case e nelle vite dei privati cittadini. Per l’Euorpa, e in particolar modo l’Italia, ci troviamo di fronte a tempistiche non ancora certe e sicuramente servirà ancora diverso tempo.